Concessionario Ministeriale per il tribunale di Vicenza

IVG Vicenza ai tempi del COVID - Ripartiamo

Data di pubblicazione: 21/07/2020

Lo scorso febbraio sembra aver segnato un cambiamento che difficilmente riusciremo a dimenticare. Va però detto che abbiamo dato tutti il massimo e quanto segue ha lo scopo di dare maggiore sistematicità e concretezza al percorso che ci ha spinto a reagire di fronte a una crisi senza precedenti.

A seguito della comparsa e diffusione dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19, molte attività produttive e servizi sono stati progressivamente chiusi, non ultime quelle giudiziarie. Il Tribunale di Vicenza nel reagire allo stato di emergenza, ha dovuto rimodellare e pianificare il carico di lavoro, oltre che sviluppare nuove competenze e professionalità per rispondere alla nuova contingenza. Abituati a operare con continuità e senza interruzioni, in particolare nel settore delle esecuzioni immobiliari, per la prima volta ci si è trovati di fronte al completo differimento di aste, udienze, sopralluoghi e termini improrogabili. Nonostante la confusione e l’incertezza iniziali che ha colto tutti di sorpresa, ciascuno – professionisti, associazioni, istituti e istituzioni – ha cercato di riadattare le attività con soluzioni nuove per garantire la continuità del sistema giudiziario, altrimenti paralizzato nel suo normale procedere.

In tale situazione anche l’Istituto Vendite Giudiziarie di Vicenza, come molte altre realtà del territorio, ha saputo plasmare la propria prassi lavorativa adattandosi alla nuova condizione di operatività. Ci siamo dunque impegnati a impiegare i nuovi protocolli di sicurezza (via via migliorati grazie alle maggiori conoscenze acquisite sull’emergenza sanitaria da Covid-19), oltre che le strumentazioni atte a garantire maggior sicurezza, tra cui le necessarie prassi per il distanziamento sociale al fine di tutelare i propri dipendenti, i professionisti che collaborano con IVG e tutte le persone che a noi si rivolgono per acquistare beni o servizi. Molte di queste attività sono state approntate già lo scorso marzo. Citiamo a titolo di esempio, quelle che hanno potuto garantire e in alcuni casi anticipare, il riavvio delle attività di vendita e custodia, sia nelle esecuzioni mobiliari che immobiliari.

Tra i primi, il sistema di spedizioni che collegato alle vendite online di beni mobili, è stato potenziato per garantire un miglior servizio all’aggiudicatario, mediante la realizzazione di accordi con un grosso partner di logistica operante a livello nazionale e che ci ha permesso anche durante il periodo più nero della crisi, di continuare e finalizzare l’attività di vendita con la consegna della merce acquistata tramite spedizione.

Ricordiamo poi, per quanto attiene il comparto delle esecuzioni immobiliari, la ristrutturazione delle attività di primo accesso, di ricognizione e visita che solo ultimamente con il riavvio di alcune vendite immobiliari, hanno potuto realizzarsi. Non possiamo neppure dimenticare che IVG Vicenza tra i primi, ha potenziato un programma a lungo termine di visita in remoto, a mezzo di virtual tour. Iniziato nel 2019 a livello sperimentale, come strumento per migliorare la visibilità di alcuni immobili di pregio, oggi tale strumento ha potuto affiancarsi con efficacia, alle visite anche di immobili di valore più modesto. Ciò al fine di potenziare i servizi offerti e legati alla visibilità dell’immobile, oltre che necessariamente, adeguarsi alle nuove norme di contingentazione del numero di visite per immobile, soprattutto se abitato. Tale processo ha richiesto notevole impegno umano ed economico, ma ha di conseguenza comportato lo sviluppo di nuove competenze e prassi lavorative integrate alle normali abitudini di gestione operativa. Questo strumento non vuole tuttavia essere sostitutivo rispetto alla visita tradizionale, quanto presentarsi come un sistema a integrazione e sviluppo della stessa: fondamentale per garantire un servizio migliorativo ai possibili acquirenti interessati e potenziare la visibilità di tutti gli immobili in custodia. Si tratta dunque di un mezzo nuovo, utile a massimizzare la possibilità di vendita di immobili, altrimenti poco appetibili a causa dello scarso rilievo offerto loro attraverso procedure standard.

A ciò è andata meglio strutturandosi l’attività di relazione e scambio di informazioni con i Magistrati del Tribunale di Vicenza e i diversi operatori del settore. Una collaborazione non sempre facile o scontata, perché spesso legata alle difficoltà conseguenti all’applicazione dei nuovi protocolli sanitari e dall’adeguarsi tutti, a situazioni in continua evoluzione. Tale volontà di collaborazione ha poi visto pratica realizzazione nella redazione di “Linee Guida” condivise dalle diverse categorie di professionisti coinvolte nel processo di esecuzione e finalizzate alla ripresa delle operazioni di vendita, dopo i lunghi mesi di stop a causa della necessità di attendere l’evolversi e in seguito lo stabilizzarsi, dell’emergenza stessa a livello provinciale, regionale e nazionale. Le “Linee Guida” definiscono e offrono un corpo di azioni e buone prassi di comportamento da adottare nelle attività di custodia degli immobili dell’esecuzione immobiliare.

Vogliamo da ultimo ricordare la collaborazione e flessibilità dimostrata dal personale di IVG Vicenza, sempre pronto a sperimentare nuovi modelli operativi e strumenti di lavoro innovativi, frutto dello spirito di coesione che contraddistingue il nostro gruppo di lavoro. Oggi, seppur i momenti più bui della crisi sanitaria sembrano essere alle spalle, restano tuttavia tracce visibili del suo passaggio: ad esempio i cambiamenti ancora operativi che pongono sfide giornaliere, in attesa dello sviluppo di una situazione in continua evoluzione. Di buon spirito accettiamo questa sfida, pronti a migliorarci ogni giorno con il contributo di tutti i nostri collaboratori: al servizio del territorio e dei professionisti che lo valorizzano.